Come Capire se lei ci sta

Categories: Articoli, Articoli sul linguaggio del corpo, In evidenza

I segnali dell’attrazione fisica

FOR MEN, N. 12, agosto 2013 articolo di Elisabetta Sampietro (intervista a Marco Pacori)

Il bello delle vacanze? Sì, d’accordo il relax, il sole e le partite di calcetto, però diciamoci la verità: quello che ti piace davvero è fare conquiste in spiaggia, in discoteca o al bar. Avventura estiva o storia seria? Non c’è fretta, poi si vedrà. L’importante è iniziare. E per farlo nel modo giusto, un esperto ti spiega come individuare i segnali con cui lei ti dà il via libera

Mettiti in gioco senza aver paura dell’insuccesso

Io ci proverei anche, ma se poi lei mi risponde picche ci rimango male … Se è questo che pensi quando vedi una ragazza che ti piace, non combinerai mai niente: nella seduzione, chi non risica non rosica. “Le insicurezze personali, la ricerca del momento giusto e il timore di ricevere un rifiuto rendono il terreno del corteggiamento decisamente insidiosospiega Marco Pacori, psicologo di Gorizia e autore del libro li “Linguaggio del Corpo in Amore“.

Quando si affronta la battaglia per la “conquista”, sono infatti tante le paure che emergono, legate al carattere, all’educazione ricevuta oppure a esperienze negative precedenti. “Non c’è una ricetta per cancellare i timori quando si vuole fare colpo su qualcuno, ma una cosa importante si può fare: prestare attenzione ai gesti e alle reazioni della persona che si intende avvicinare“.

Tutti gli studi sul corteggiamento dimostrano che sono le donne a prendere l’iniziativa. Quindi, osserva bene come si comporta. Da come si muove e si atteggia puoi capire tante cose: se è libera, poi se desidera compagnia, se le piaci, se ha voglia di stare con te. Ecco 4 segnali che ti fanno capire che hai via libera.

Segnale n.1 : Così ti fa capire di esser single

Ecco come si comporta quando è disponibile, cioè quando gradisce avere compagnia maschile.
Sguardo e andatura: una donna libera, quando entra in un locale o arriva in spiaggia, si guarda attorno in modo apparentemente distratto, senza mai soffermarsi su nessuno. Muove la testa rapidamente da un lato all’altro e ogni sguardo è breve, dura 5-10 secondi.
E cammina lentamente, accentuando il movimento dei fianchi, spingendo la pancia in dentro, il petto in fuori e tenendo la testa alta.
Balla da sola: un invito chiaro ad avvicinarti lo lancia anche quando, in discoteca, inizia a muoversi al ritmo della musica in pista o vicino al bancone del bar. È pronta a farsi invitare a ballare anche se, stando seduta, tiene il tronco inclinato in avanti e i talloni sollevati.

Segnale n. 2: Ha trovato in te un uomo che le piace

Quando ha individuato in te l’uomo che le piace, la donna mette in atto tutta una serie di strategie.
Ti si avvicina con disinvoltura e si ferma a circa un metro da te oppure, al bar, sgomita pur di riuscire a sedersi su uno sgabello vicino al tuo, o si mette ai margini del bancone per facilitare l’approccio.
Un’altra tattica femminile è quella di puntare lo sguardo verso di te e poi, una volta che è certa di essere stata notata, allontanarsi e isolarsi (per esempio, esce a fumare o a prendere una boccata d’aria) con la speranza di essere seguita da te.
Un altro segnale inequivocabile è, mentre ti fissa, sorridere o passarsi una mano tra i capelli.

Segnale n. 3 Per invogliarti ad avvicinarti sfodera tutta la tua femminilità

Per attirare la tua attenzione e incoraggiarti a farti avanti inizia poi a muovere il corpo in maniera seducente. Il seno: lo mette in evidenza stirandosi e spingendolo in fuori, oppure si infila le mani tra le ginocchia in modo da gonfiarlo, o si inclina in avanti in modo da farlo intravedere meglio attraverso la scollatura dell’abito.
Le gambe può accavallarle in modo da scoprire le cosce oppure, sempre da seduta, orientarle nella direzione opposta al tronco per dare una forma più sinuosa al proprio corpo, ma anche annodarle in modo da evidenziare la sua flessuosità.
Le mani: arcuare il polso verso l’esterno, inclinandolo verso il basso (gesto che si può fare mentre si fuma) accentua la sua femminilità, esattamente come piegarlo verso di sé mentre parla.
Ma con le mani la seduttrice può anche aggiustarsi la gonna quando non ce n’è bisogno, in modo da scoprire un po’ di più le gambe, oppure allacciarsi un bottone della camicetta che è del tutto a posto, ma anche infilare un dito nella scollatura e scostarla leggermente, far cadere una spallina dell’abito o semplicemente giocherellarci.
I piedi: li inclina stirando la caviglia in modo da creare continuità con la linea della gamba e metterla in evidenza, oppure sfila il tallone dalla scarpa e la fa dondolare sulle dita dei piedi o, meglio ancora, se la toglie del tutto per poi rimettersela.

Segnale n. 4 Per non spaventarti finge di essere fragile e indifesa

La donna aggressiva non piace, fa paura, quindi, un’altra strategia importante che la donna mette in atto per indurre un uomo a farsi avanti è fargli capire di essere inoffensiva.
Come? Abbassando ogni tanto le palpebre o tenendole socchiuse per qualche secondo, inviando così il messaggio “Mi affido a te“.
Un altro modo è invece quello di assumere delle posture infantili. Inclinare la testa di lato è segno di sottomissione perché si espongono la gola e il collo, ma anche di fragilità perché ricorda il comportamento del bambino che infila la testa proprio tra il collo e la spalla del genitore.
Può esprimere innocenza anche se solleva una spalla e vi appoggia la testa, se si annoda i capelli con un dito, se si abbraccia il busto o se appoggia il capo inclinato sul palmo della mano.

ECCO INVECE COME SI COMPORTA QUANDO NON HA NESSUNA VOGLIA DI ESSERE ABBORDATA

Tanto è abile nel far capire che desidera compagnia, tanto lo è quando non è interessata a fare nuove conoscenze e vuole tenere lontani eventuali e fastidiosi mosconi.
Ecco i suoi gesti più significativi.
Al bar o in discoteca, se si siede su un divanetto allarga le braccia e appoggia le palme sulla seduta di fianco a lei: così facendo delimita il territorio, off-limits per tutti.
Ignora qualsiasi contatto visivo, piuttosto guarda in alto e si porta una ciocca di capelli davanti al viso: se è proprio scocciata è capace di incenerire con uno sguardo pieno di disprezzo chi osa fissarla con ostentazione.
Sbadiglia, esprimendo così noia e indifferenza, e mostra la sua volontà di chiusura tenendo le mani in tasca o le braccia conserte.
Tiene le gambe ben strette, con i piedi piantati saldamente a terra o spostati sotto la sedia, ma può anche incrociare le caviglie mentre il busto, rigido e impettito, si inclina leggermente all’indietro.

Adesso tocca a te:
iniziate a chiacchierare e…

Bene, sei stato attento. segnali positivi te ne ha inviati, quindi l’avvicini come uno qualsiasi. Attenzione, pero: non e ancora fatta ,il dialogo è una fase delicata dell’approccio e tutto può ancora succedere. Sappi che lei potrebbe anche cambiare idea

Semaforo verde:

se uno vicino a lei sgombera il tavolino del bar da bicchieri, tazze e giornali, è segnale che ha voglia di approfondire la conoscenza.
Lo stesso succede se sposta la sua borsa e la giacca dalla sedia vicina alla sua per farti accomodare.
Altro segno di attenzione e partecipazione lo dimostra se si inclina verso di te, porta il tronco in avanti appoggiando il gomito sul tavolo e il mento sulla mano.
Gradisce la tua presenza anche se si passa la lingua sul labbro superiore, se si accarezza i capelli e se sporge brevemente le labbra verso l’esterno o le porta verso l’interno. Complimenti, ce l’hai fatta!

Semaforo giallo:

Anche se si é dimostrata interessata, al momento del contatto verbale può sentirsi un po’ a disagio preferendo mantenersi un po’ sulle sue.
Lo dimostra non facendoti spazio vicino a sé, coprendosi le gambe con la giacca, tenendo il bicchiere sollevato a mò di barriera tra voi.
Un altro segnale che esprime la sua incertezza è l’irrigidimento del busto e del collo, accompagnato da un dialogo stentato, lunghi silenzi e risposte laconiche. Anche controllare la chiusura della borsetta, di un braccialetto o dell’orologio sono gesti che indicano che non è sicura, che per il momento preferisce mantenere le distanze.
Quindi occhio, se lei ti interessa davvero, muoviti con cautela e non pressarla, dalle tempo e spazio per capire cosa vuole.

Semaforo rosso:

Può anche succedere che lei all’inizio della conversazione cambi totalmente idea e, dalla disponibilità iniziale, si chiuda e si mostri ostile.
Ecco i segnali: si scosta, accavalla le gambe in direzione opposta alla tua, incrocia le braccia, solleva con un dito la punta del naso o si chiude una narice, si pulisce le labbra da briciole inesistenti, spinge un sopracciglio verso l’alto mentre ti ascolta, si guarda le unghie o il proprio riflesso nello specchio, spinge ripetutamente le labbra chiuse verso l’alto e, mentre con te è scontrosa, si rivolge con allegria e calore a chiunque passi di lì. Se non l’hai ancora capito… scappa a gambe levate, non ha senso per-dere altro tempo con lei.

Le Piaci? Te lo dicono i suoi occhi

Se ti trova attraente le si dilatano le pupille, è un movimento impercettibile che comunque viene percepito anche inconsciamente.
L’eccitazione che prova conferisce al suo sguardo una maggiore luminosità, anche a causa della maggiore idratazione dell’occhio.
L’emozione, invece, le fa battere le ciglia molto più frequente-mente del solito.
E se le piaci veramente, non solo ti guarda più a lungo negli occhi, ma il suo sguardo si posa anche sulle tue mani (desidera un contatto fisico) e sulle tue labbra (le piacerebbe essere baciata).

Gli errori CHE NON DEVI MAI FARE

Mostrarti gradasso. Posture sbracate, mani sui fianchi, gambe allargate in maniera eccessiva, petto in fuori, mento sollevato e un tono di voce alto e stridulo fanno di te, agli occhi di lei, un uomo ridicolo.
Tu in questo modo forse stai tentando di farti vedere sicuro e padrone di te stesso, ma non la inganni, anche perché, non essendo atteggiamenti che ti appartengono, tutto il tuo corpo è rigido come un manichino.
Meglio, sempre e comunque, mostrarti come sei. Buttarti a pesce.
Il tempismo, nell’approccio,è fondamentale, quindi non precipitarti appena vedi una che ti piace: aspetta di capire se ti manda dei segnali positivi. Sai bene che sono le donne a dare l’avvio alle danze.

Toccarla. Un contatto fisico troppo pre-coce rispetto al grado di intimità che si è stabilito è un’altra cosa che indispone le donne. Solo dopo un buon dialogo puoi permetterti di sfiorarle la mano, un braccio o l’avambraccio. Zone tabù sono invece le ginocchia, le spalle, i capelli o le parti intorno al seno: si tratta di gesti troppo intimi e del tutto inopportuni in una fase di conoscenza.

Parlare solo di te. Spesso se un uomo non sa come iniziare una conversazione o portare avanti un discorso trova la bella soluzione di parlare di sé stesso e della propria vita, comprese tutte le sventure che gli sono capitate. Errore imperdonabile!
Le donne amano essere ascoltate. Quindi falle delle domande, e mostra il tuo interesse annuendo con il capo e spalancando gli occhi.

Guardare il suo corpo.

Per approfondire

Si sa, i tuoi occhi sono attirati dalle sue gambe, dal seno e dal lato B, ma se non vuoi fare la figura dell’allupato, guardala in faccia. Se non fai così lei penserà che sei interessato solo al suo corpo e non a quello che sta dicendo.

Gesticolare. Non agitare mani e braccia davanti a te, sono gesti che da una parte esprimono le tue insicurezze, dall’altra creano una barriera tra voi che non permette l’instaurarsi di una maggiore confidenza. Tienile sciolte e appoggiate ai braccioli della sedia.