La proprietà di linguaggio inibisce l’abilità a riconoscere i segnali del corpo

Categories: Articoli, In evidenza, Notizie Flash

La parola inibisce l’intuito

Da tempo si supponeva che l’estrema importanza che nella nostra cultura viene data alla parola e l’abitudine di commentare ciò che ci accade con un costante chiacchiericcio interiore (dialogo interno) facesse da filtro e da freno nell’osservazione e nella comprensione del comportamento non verbale.

Un indagine condotta su pazienti afasici (cioè individui che a causa di un danno alle strutture cerebrali delegate a dare un senso al linguaggio verbale hanno perso questa facoltà o l’hanno “deteriorata”), ha confermato questa ipotesi.

Soggetti “normali” e afasici sono stati fatti assistere a delle interviste in cui chi parlava mentiva o diceva la verità.

Mentre, le persone “sane“ mostravano una capacità di distinguere i mentitori che non si discostava dalla casualità, gli individui che soffrivano di afasia hanno esibito un’abilità non comune nell’individuare i bugiardi

Fonte: N. L. Etcoff, P Ekman, J. J. Magee, M. G. Frank: Lie detection and language comprension;
Nature, n° 405, 2000.


Comments

There are no comments on this entry.

Add a Comment

Will not be published

Optional