Master in ipnosi non verbale

Categories: Vetrina

* Il Master é rivolto a psicologi, medici, psichiatri, psicoterapeuti e odontoiatri.
Chi fosse interessato ad apprende la tecnica non terapeutica per passione, cultura o per iniziare un percorso formativo sulla materia può frequentare il corso di ipnosi non verbale che si terrà a novembre 2016 a Padova, Milano e Roma e avrà la durata di un weekend.

info-corsoPer info o iscrizioni compila il FORM in fondo alla pagina.

. Annualità 2017/2018 – sessione autunno:

Sede: *BOLOGNA c/o Villa Valfiore, Via Imelda Lambertini, 20 – San Lazzaro di Savena BO

In cosa consiste

Sebbene, gia nel 1958 l’American Medical Association abbia dato dignità scientifica all’ipnosi, riconoscendola come metodo di cura in medicina e in odontoiatria e successivamente in psicologia, rimane tutt’ora per molti un fatto misterioso, intriso di fascino e magia.

Eppure, la sua pratica é sempre più diffusa fra gli specialisti del benessere per i suoi effetti; a volte, tanto eclatanti, quanto veloci ed efficaci.

Straordinario! Non fosse per il fatto che sia l’impiego dei metodi di induzione tradizionali, sia con le forme più raffinate dell’ipnosi di stampo ericksoniano, comporta un procedimento induttivo lento e laborioso e che porta solamente un 10% della popolazione a raggiungere lo stato di trance e che questa percentuale di persone la ottiene, per lo più grazie ad una predisposizione all’ipnosi.

E’ emersa così, l’esigenza di mettere a punto un metodo nuovo, che prescindesse dalle attitudini dei soggetti e consentisse di minimizzare le resistenze e accelerare i tempi dell’induzione. Con queste premesse è nato un nuovo modello, l’ipnosi non verbale ®.

Questa forma di induzione è stata elaborata intessendo le moderne scoperte delle neuroscienze sul funzionamento del cervello in ipnosi con la rivisitazione delle pratiche rituali di induzione delle tribù primitive.

Invece di provocare uno specie di assopimento nel soggetto, lo si porta ad uno stato di eccitazione febbrile, fatto che attiva una delle regioni più arcaiche del cervello (l’amigdala) e, in funzione della connessione di questa con l’area responsabile della trance (la corteccia prefrontale), si determina il cortocircuito (individuabile da precise modificazioni fisiologiche e motorie) di quest’ultima: la vera condizione ipnotica.

Ora, queste conoscenze sono messe a disposizione dei professionisti sotto forma di un master che coprirà un intero anno didattico.

Il corso, oltre a spiegare le basi teoriche della tecnica e comportare numerose esercitazioni pratiche, si propone di consentire ai partecipanti di sviluppare le abilità e l’atteggiamento mentale idoneo a renderli in grado di padroneggiarla.

Per questo motivo, oltre alla spiegazione dettagliata del metodo, alle dimostrazioni in aula e ai momenti di discussione e di condivisione, verranno fatti fare ai partecipanti degli esercizi per sviluppare la sensibilità tattile, la visione periferica, la coordinazione visuo-motoria, la concentrazione, la lettura del linguaggio del corpo e l’intuizione.

Con questo obiettivo, all’interno del seminario verrano insegnate tecniche, mutuate dal canto, dalla kinesiologia, dalle arti marziali, dalla meditazione, dall’illusionismo e dal mentalismo.

Inoltre, verrà spiegato come trattare i disturbi emotivi in modo innovativo e in particolare l’attacco di panico, la depressione, le dipendenze e l’insonnia.


Scopo del Master

L’obiettivo formativo del Master in ipnosi non verbale è formare delle figure professionali, che già esercitino in ambito sanitario, su un modello innovativo di induzione e gestione dell’ipnosi, nato dall’integrazione delle moderne scoperte delle neuroscienze con le tecniche induttive praticate da millenni nello sciamanesimo e nei rituali tribali di guarigione e di possessione.


Finalità didattiche

– lo sviluppo della capacità di indurre un’ipnosi in tempi brevi e in modo efficace
– imparare a riconoscere i segni fisiologici della condizione ipnotica
– riconoscere lo stile di personalità del soggetto e il corretto approccio ipnotico per
quest’ultimo
– sviluppare i sensi per cogliere le sfumature più sottili nello sviluppo della trance e nella
risposta emotiva
– acquisire le tecniche per padroneggiare la propria espressività non verbale
– apprendere come leggere il linguaggio del corpo
– imparare un nuovo modo di gestire i disturbi emotivi


Organizzazione del Master

Il master é strutturato in una annualità pari a 7 incontri di 2 giornate l’uno (week end), una volta al mese per sette mensilità nel corso dell’anno) che si terranno come da calendario riportato di seguito. Le giornate di studio si svolgeranno da gennaio 2017 a luglio 2017 con orario 10-18.30.


Titolo rilasciato

L’ottenimento del titolo di MASTER IN IPNOSI NON VERBALE è subordinato al superamento di un esame finale le cui caratteristiche e modalità verranno comunicate nel corso dei lavori.


* I partecipanti potranno continuare la loro formazione e sviluppare la padronanza del metodo con successivi incontri dedicati alle esercitazioni pratiche e agli approfondimenti dei temi trattati.

Programma

PRIMO INCONTRO: 4 – 5 novembre 2017

Introduzione all’ipnosi e agli stati di coscienza

L’ipnosi e le sue origini
I modelli che spiegano il fenomeno ipnotico
Appriccio classico, ericksoniano e l’ipnosi non verbale
Il linguaggio del corpo e il suo collegamento con l’ipnosi
Lo stato di coscienza ordinario e alterato
La trance e le diverse forme di induzione
Dimostrazione dell’induzione ipnotica con il corpo
Il linguaggio del corpo emotivo
Esercitazioni
Condivisione e discussione


SECONDO INCONTRO: 2 – 3 dicembre 2017

Neurobiologia dell’ipnosi e relazione con il soggetto

La ricerca scientifica sull’ipnosi
I cambiamenti EEG, cerebrali, fisiologici e motori in ipnosi
Le modificazioni neurologiche, fisio-motorie e della coscienza nell’ipnosi non verbale
I tre cervelli e il loro coinvolgimento nell’induzione ipnotica
Percezione e enterocezione (percezione delle sensazioni interne)
Esercizio di ascolto del proprio corpo e di quello del soggetto
L’approccio con la persona da ipnotizzare
Lo scambio sul piano non verbale: i canali della CNV
Simulazione del primo incontro con il paziente


TERZO INCONTRO: 13 – 14 gennaio 2018

Il corpo come strumento di diagnosi

Iipologie di personalità: la loro struttura fisica, psicologica ed espressiva
L’organizzazione di significato personale
Riconoscimento e diagnosi della struttura cognitiva e corporea
Attaccamento, linguaggio del corpo e la importanza nell’ipnosi
L’attenzione, la concentrazione come tecnica di consapevolezza dei 5 sensi
Sviluppare la percezione dei sensi
Stabilire l’approccio ipnotico sulla base delle tipologie
Esercitazione didattica
Riconoscere il momento propizio per l’ipnosi
Quanto conta l’ipnotizzabilitá
I fattori che influenzano l’ipnosi


QUARTO INCONTRO: 10 – 11 febbraio 2018

L’induzione non verbale e la preparazione dell’ipnotista

La catalessi e i modi per indurla
La sensibilità tattile
La kinesiologia aiuta a sviluppare il tatto
Test kinesiologici
La lettura del pensiero attraverso gli scatti muscolari
Tecniche e accorgimenti per sviluppare l’attenzione e la concentrazione
Come svuotare la propria mente per mettersi sulla “lunghezza d’onda” del soggetto
Esercizi di coordinazione visuo-motoria per sviluppare tempismo
Esercizi per aumentare la sensibilità della visione periferica


QUINTO INCONTRO: 10 – 11 marzo 2018

Voce, vocalizzi e suoni come veicoli induttori

L’effetto della musica sul cervello
Ritmi sonori e ritmi cerebrali
Vocalizzi armonici e versi primitivi
Imparare a respirare
Modificare il proprio tono di voce
Spiegazione ed esercitazione sull’esecuzione dei vocalizzi
La coordinazione dei versi e delle oscillazioni del soggetto
La successione ritmica dei rituali induttivi
Il linguaggio nella conduzione dell’ipnosi: lo stile ericksoniano
Cambiare voce a seconda delle suggestioni
Suggestioni non verbali


SESTO INCONTRO: 14 – 15 aprile 2018

La conduzione dell’ipnosi e il trattamento dei disturbi emotivi

Tecniche di induzione indiretta e tecniche verbali
Le modificazioni fisiologiche e motorie come spunto per le suggestioni
Tipi di suggestioni ipnotiche e come darle
Come riconoscere l’effetto delle suggestioni dal linguaggio del corpo
La risposta ipnotica e l’attaccamento
I disturbi emotivi e le somatizzazioni
Quali patologie si possono trattare con l’ipnosi
Cenni di psicoterapia ipnotica
Trattamento dell’attacco di panico
Trattamento dell’insonnia
Trattamento dell’ansia e della depressione
Trattamento delle fobie
Trattamento delle dipendenze
Trattamento delle esperienze traumatiche


SETTIMO INCONTRO: 19 – 20 maggio 2018

Consigli pratici, esercitazioni didattiche e esame finale

Il ripasso della tecnica e della pratica
L’analisi di un caso clinico in sede
Il colloquio preliminale
Le suggestioni nascoste
L’induzione e il trattamento ipnotico
Discussione e condivisione
Prova pratica
Domande e chiarimenti
L’esame finale
Valutazioni e consegna dei diploma


DOCENTI:

Dott. Marco Pacori, Psicologo-Psicoterapeuta, formatore in ipnosi da oltre 20 anni

Dott.ssa Valentina Masin, Psicologa

Anna Maria Poclen, Consulente Olistico Professional e Trainer Olistico

Pino Poclen, Musicoterapeuta


INFORMAZIONI:

Per informazioni: scrivere a info@linguaggiodelcorpo.it
o compilare il FORM in fondo a questa pagina.
CSR-CNV – Sede Centrale:
Via Trieste 155/b – 34170 GORIZIA
Tel/Fax 0481 – 2 00 58 – Cell. 340 – 051 00 47
(chiamare da lunedì a venerdì dalle 14 alle 18)
e-mail: info@linguaggiodelcorpo.it


DESTINATARI:

Psicologi, Psicoterapeuti, Psichiatri, Medici, odontoiatri


Titolo rilasciato

L’ottenimento del titolo di MASTER IN IPNOSI CLINICA AD ORIENTAMENTO Non Verbale è subordinato al superamento di un esame finale le cui caratteristiche e modalità verranno comunicate nel corso del Master.


Supervisione e Consulenza Individuale
Per coloro che si trovano ad affrontare problematiche personali o relazionali possono essere attivati dei percorsi di Supervisione e Consulenza individuale.


* Scarica il programma in PDF cliccare qua).


  1. (required)
  2. (required)
 

Ai sensi dell’Art.10 della Legge 31/12/96, recante disposizioni a tutela della persona e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, si informa che i dati che verranno forniti non saranno ceduti a terzi.