Parlare con i piedi: quando l’alluce ha un’erezione

Categories: Articoli, Articoli Marco Pacori

Il piede. Una parte del corpo che in genere non lascia indifferenti; la sua vista o il contatto con esso in alcuni provocano sentimenti di disgusto e repulsione; in altri suscitano attrazione o possono inspirare fantasie feticistiche.

Il piede difficilmente viene mostrato; solo al mare o la località turistica forniscono il contesto in cui può essere lasciato nudo o fasciato da calzature aperte. Alle sole donne è consentito di esibirlo anche in città: scarpe senza punta, sandaletti, scarpe scollate sono prerogativa del gentil sesso. Un uomo con i sandali, o peggio, un individuo che giri in ciabatte viene giudicato con disprezzo; il suo comportamento è visto come un segno di sciatteria, di trascuratezza o di ostentato anticonformismo. Il piede è oggi rivalutato nella medicina alternativa: la Reflessologia Plantare lo “legge” per fare una diagnosi della salute psicofisica della persona; la bioenergetica osserva il modo in cui lo si appoggia al suolo e insegna che il “grounding”, il radicamento a terra di questa estremità, è un significativo indice di stabilità e di contatto con la realtà. E’ ormai un luogo comune nello studio del linguaggio del corpo che la parte dalla cintola in giù sia la meno controllata e quindi possa diventare una fonte di importanti informazioni sulle intenzioni e sulle emozioni dell’altro. Quando un individuo è in tensione, il modo in cui muove, contrae, agita i piedi lascia trapelare, il suo stato d’animo anche quando il resto del corpo sembra trasmettere un messaggio di sicurezza e disinvoltura. In posizione eretta, l’ansia, la fretta o l’apprensione vengono espresse tenendo un piede orientato verso l’interlocutore o dell’uditorio e l’altro verso una potenziale via di fuga (un porta, in direzione del punto in cui si trova l’atrio, l’uscita e così via). Un altro indice di emotività è il calpestarsi una scarpa con l’altra o sfregarle, poggiando i piedi sul lato esterno. O ancora, chi è agitato, ed è seduto, può sollevare i tacchi come per andarsene, ma rimanendo lì dov’è, oppure muovere le dita, facendo assumere alla punta delle scarpe un aspetto torto. Un altro tipico segno di agitazione è, in piedi, far ricadere il peso del corpo ora da un lato o dall’altro, dando l’impressione di oscillare. La comodità di stare seduti non offre un sollievo sufficiente a inibire queste azioni; anzi, altre se ne aggiungono: chi non vede l’ora di andarsene, accavalla le gambe, tenendo il piede sospeso; quindi, lo spinge con moto altalenante avanti e indietro, lo contrae, curvando le dita (o piegando l’estremità della scarpa verso il basso); infine, può “aggrovigliare” strettamente le estremità inferiori. Con i piedi (e quindi non solo ” … con le mani …”, come dice la famosa canzone di Zucchero) possiamo “fare tante altre cose”: ad esempio, mostrare impazienza, battendoli sul pavimento o tirandoli all’indietro, da seduti, quando un argomento o altro ci da fastidio o ci induce un senso di rifiuto; se la situazione ci sta “stretta”, possiamo sedere, incrociare le gambe e calciare nel vuoto oppure tenere i talloni sollevati nell’evidente impulso a toglierci di lì (spesso, portando anche il busto in avanti e afferrando i braccioli con le mani). 
La posizione delle nostre estremità inferiori può per altro indicare anche interesse o attenzione: chi è “preso” da un discorso, ad esempio, può tenere il piede sollevato, a volte anche a lungo. Se siamo coinvolti in una conversazione e notiamo una terza persona che ci piace, possiamo orientare il nostro piede verso di essa. Uno dei più vistosi segni di eccitazione è un accentuazione del tono muscolare, un fenomeno osservabile soprattutto in una donna che porti la gonna corta; le gambe appaiono tese e scattanti e, se il piede è scalzo o le la calzatura lascia libere le dita, possiamo notare, in circostanze di forte coinvolgimento una vera e propria erezione dell’alluce. I piedi, come si è accennato, possono suscitare forti impulsi sessuali per qualcuno; in particolare, i piedi di una donna per l’uomo sono vissuti spesso come una parte attraente del corpo femminile. In parte, perché sono più piccoli e sinuosi del piede maschile (le scarpe con il tacco alto servono ad esaltare quest’aspetto) e perciò diventano un segno distintivo di femminilità. Inoltre, la pianta del piede produce gli stessi acidi grassi secreti dalla regione dell’inguine: quindi il loro odore (o la rievocazione dell’odore data dalla loro vista) può funzionare da inconsapevole afrodisiaco. Proprio in funzione di queste caratteristiche, le donne che vogliano sedurre il partner possono, più o meno intenzionalmente, dirigere l’attenzione di quest’ultimo sulle proprie estremità inferiori. Così possono sfilare il tallone della scarpa e fare dondolare quest’ultima sulla punta del piede (quest’azione evoca anche il denudamento), oppure accarezzarsi il collo del piede o tenere il piede parallelo alla gamba; quest’azione sembra abbia la funzione di annullare il potenziale simbolismo fallico del piede, già identificato da Freud prima della fine del secolo.

Per approfondire l’argomento:

Marco Pacori:
I Segreti del
Linguaggio del Corpo

ed. Sperling&Kupfer,
ottobre 2010
Marco Pacori:
Il Linguaggio del
Corpo in Amore

ed.Sperling&Kupfer,
ottobre 2011
Marco Pacori:
Il linguaggio segreto
della Menzogna

ed.Sperling&Kupfer,
ottobre 2012

Comments

There are no comments on this entry.

Add a Comment

Will not be published

Optional