List

Non tutti siamo capaci nella stessa misura a comprendere i messaggi non verbali: sesso,età , professione e personalità ci rendono infatti più o meno sensibili a questa dimensione della comunicazione

Rammarico

Espressioni facciali, autocontatti, gesti, movimenti del corpo lasciano trapelare i nostri atteggiamenti, le nostre intenzioni, le nostre attitudini, inclinazioni, ecc.

La nostra cultura ci porta a trascurare questi segnali; tuttavia non tutti siamo ciechi di fronte a questa forma di comunicazione.

La ricerca dimostra che alcune categorie di persone sono più capaci di altre a decodificare e a esprimersi attraverso il linguaggio del corpo.
Judith Hall, Robert Rosental ¹ e altri studiosi americani hanno elaborato un test che ha messo in un luce come personalità, professione, età e sesso possano contribuire a rendere gli individui più o meno sensibili verso i segnali non verbali.

Con un metodo messo a punto da loro (chiamato PONS o “Profilo Di Sensibilità Non Verbale”) hanno fatto delle scoperte decisamente interessanti.

Innanzitutto, sottoponendo i bambini al test, si sono resi conto che l’abilità a cogliere questi messaggi aumenta progressivamente con l’età a partire dagli 8 anni fino all’età adulta (fra gli adulti, le prestazioni si stabilizzano dai 20 ai 30 anni); con un’unica eccezione; la valutazione delle modificazioni della voce e di altri segni vocali è più precisa fra i più piccoli che fra i bambini più maturi.

Questo dato, che trova una conferma in altre indagini, indica probabilmente che la sensibilità al tono di voce viene in parte disim-parata nel corso della socializzazione.
Questo potrebbe dipendere dal fatto che, dato che la voce tradisce molti più messaggi emotivi rispetto alla postura o ai movimenti corporei, crescendo i bambini vengano condizionati ad ignorarli per evitare di mettere in imbarazzo il proprio interlocutore.

Quanto al sesso, si è appurato che le femmine sono, in linea di massima, più “acute” dei maschi e questa differenza rimane invariata a tutti i livelli d’età.
Il sesso “debole” è in particolare spicca soprattutto nella “destrezza” a distinguere i segni di emozioni negative.
Al riguardo però si è accertato ² che le donne che sono più legate al ruolo tradizionale sono meno smaliziate di quelle più emancipate.

In parte, questa sensibilità può dal fatto che dovendo accudire i neonati, le donne sviluppino una spiccata sensibilità per i loro vocalizzi e i loro movimenti corporei.
Ma la spiegazione più plausibile, dato che già a 8 anni le bambine sono più abili dei maschietti, è che esista una sorta di sensibilità innata dovuta alla diversa struttura del cervello femminile.

Certe attività professionali possono attirare le persone più dotate nella comunicazione non verbale, o forse l’esperienza in queste professioni migliora la capacità di de-codificare questo tipo di messaggi.
Sia come sia, I punteggi più alti nel PONS li conseguono infatti attori, studenti di arti visive e della comunicazione non verbale.
In seconda posizione troviamo la categoria dei clinici (psi-chiatri, psicologi, medici, in-fermieri psichiatrici e altri operatori dell’igiene mentale) i cui punteggi sono paragonabili a quelli degli stu-denti di scuola superiore.

Moderatamente “intuitivi” sono anche gli insegnanti e i dirigenti, ma certo non eccellono.

In numerosi studi i punteggi del PONS sono stati confrontati con vari tratti di personalità. In generale, gli individui che ottengono punteggi alti in questo test tendono infatti ad essere ben adattati, democratici e incoraggianti nei rapporti personali, estroversi, flessibili; inoltre godono di una buona popolarità e sono tendenzialmente cooperativi e disponibili.

Anche il giudizio di chi li conosce li definisce generalmente come più sensibili della media nelle interazioni interpersonali.
L’abilità a leggere i messaggi del corpo può dipendere anche da come si è vissuta la propria infanzia. Uno studio ³ degli psicologi Holley S. Hodgins Richard Koestner ha dimostrato, infatti, che l’abilità a cogliere i segnali non verbali è legata alle esperienze precoci: una temperamento mite, l’armonia fra i genitori e una moderata rigidità del padre sembra siano i fattore che maggiormente contribuiscono a far sviluppare questa facoltà.

Articoli citati: 

¹Hall, J. A., Rosenthal, R., Archer, D., DiMatteo, M. R., & Rogers, P. L. (1978).
Decoding wordless messages, Human Nature, 1, 69-75.
²Judith A. Hall, Amy G. Halberstadt, Christopher E. O’Brien, Sex Roles: A Journal of Research, Sept, 1997 
³ Holley S. Hodgins, Richard Koestner :the Origins of Nonverbal Sensitivity, Personality and Social Psychology Bulletin, Vol. 19, No. 4, 466-473 (1993)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

  Posts

1 2 3 42
maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

aprile 20th, 2019

Psicosomatica: lo sport rigenera il cervello: scoperto come

maggio 17th, 2017

La “formula del sospetto”: il linguaggio del corpo fa capire di chi ti puoi fidare

luglio 19th, 2019

Un po’ di sport crea nuove sinapsi nel cervello

luglio 18th, 2019

Corso di Ipnosi non verbale

luglio 8th, 2019

Depressione + Stress peggiorano la circolazione

luglio 2nd, 2019

Mamma e papà freddi accorciano la vita dei figli

giugno 22nd, 2019

Il contatto visivo sincronizza i cervelli

giugno 16th, 2019

Te la prendi con chi capita a tiro? La causa é nel cervello

giugno 12th, 2019

Quel sorriso mi da i brividi … non sempre questa mimica allieta

giugno 9th, 2019

Scoperto il segreto del sorriso

giugno 8th, 2019

Lo smog é una camera a gas per il cervello

giugno 5th, 2019

Quando il sistema immunitario se la prende con il cervello