List

Cervello e intestino

Capita a tutti, quando siamo nervosi, frustrati o preoccupati di non riuscire a buttare giù nemmeno un boccone oppure di mangiare voracemente e senza appetito; o, ancora, di avvertire fitte, brontolii o tensione all’addome.

C’è però chi questi sintomi li vive quotidianamente: in questo caso, si tratta di una patologia cronica nota come sindrome dell’intestino irritabile (IBS): uno dei più comuni disturbi funzionali dell’apparato gastroenterico.

Si stima che, in occidente, ne soffra il 10-15% dell’intera popolazione: praticamente, ce l’hanno 1 o 2 persone su dieci.

L’IBS è caratterizzata da costipazione, diarrea o entrambi e accompagnata da crampi, dolore addominale e gonfiore.

L’occorrenza di questi sintomi si associa abitualmente a disagio psicologico: stress, insofferenza, difficoltà di concentrazione, sbalzi d’umore sono molto frequenti in chi ne afflitto; ma, specie se il disturbo è particolarmente invalidante e duraturo, le conseguenze emotive sono ben peggiori: ansia e depressione.

Si tratta di un disturbo psicosomatico per eccellenza: non solo, dolore, spasmi e fastidio allertano le strutture verbali coinvolte nella risposta allo stress (come può succedere con un mal di schiena o con una cefalea), ma é lo stesso intestino che inviando messaggi chimici e nervosi altera direttamente la funzionalità e l’efficienza delle strutture cerebrali.

Questo grazie al fatto che l’apparato gastroenterico possiede una fitta e “popolosa” trama di neuroni, che lo rendono, a tutti gli effetti, un cervello secondario.

Ora, una nuova ricerca condotta da Jennifer S. Labus, Emily Hollister, Emeran Mayer
e altri medici ha fornito la dimostrazione scientifica che un’infiammazione cronica dell’intestino può generare dei veri e propri cambiamenti morfologici nella corteccia cerebrale.

La recente indagine ha dato modo di accertare, infatti, che l’IBS si associa, ora a diminuzioni, ora ad aumenti della densità di materia grigia in aree chiave del cervello, coinvolte nell’attenzione, nella regolazione delle emozioni, nell’inibizione del dolore e nella percezione delle sensazioni viscerali.

Per mettere in luce queste anomalie anatomiche, i ricercatori si sono avvalsi di tecniche di imaging cerebrale, esaminando il cervello di 29 pazienti affetti da IBS e 23 soggetti di controllo.

Gli “ammalati” lamentavano una gravità moderata della sindrome intestinale, e una durata del disturbo che variava da uno a 34 anni. L’età media dei partecipanti era di 31 anni.

Il confronto tra i cervelli dei soggetti sani e di coloro che soffrivano della patologia ha messo in evidenza che questi ultimi mostravano delle alterazioni di aree encefaliche coinvolte in funzioni cognitive e valutative, inclusi la corteccia parietale posteriore (coinvolta nella percezione del dolore) e prefrontale (la cui funzione principale è stabilire la priorità tra gli stimoli percepiti o pensati) e l’insula posteriore, che rappresenta il canale d’ascolto primario delle informazioni sensoriali dal tratto gastrointestinale.

I cambiamenti nella materia grigia dell’insula posteriore sono particolarmente significativi, commenta David Seminowicz, primario al Centro Alan Edwards per la ricerca sul dolore presso la McGill University, perché spiegano perché chi é affetto da questo disturbo, lo avverta in modo così doloroso: la sua insula (l’area del cervello che fa affiorare alla consapevolezza le sensazioni interiori del corpo) è più densa del normale e per questa ragione i segnali provenienti dall’intestino vengono avvertiti con la stesso “volume” di una voce amplificata da un megafono.

Per approfondire
Il Linguaggio Segreto dei Sintomi

Parallelamente, é stato riscontrato un minor spessore di materia grigia in regioni cui spetta il compito di decidere a quali sensazioni viscerali prestare attenzione, come il talamo (il primo filtro del cervello) o il mesencefalo (coinvolto nella motivazione).

Per altro, un’analoga anomalia è stata identificata nella sostanza grigia periaqueduttale che ricopre un ruolo cruciale nella soppressione del dolore, e che, proprio perché più “rarefatta”, non riesce ad adempiere al proprio compito.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  Posts

1 2 3 46
maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

aprile 20th, 2019

Psicosomatica: lo sport rigenera il cervello: scoperto come

maggio 17th, 2017

La “formula del sospetto”: il linguaggio del corpo fa capire di chi ti puoi fidare

aprile 17th, 2024

Non-verbal hypnosis brochure

aprile 17th, 2024

Non-Verbal Hypnosis Marrakech-Amman 2024

gennaio 28th, 2023

corso ipnosi non verbale

dicembre 8th, 2022

L’ipnosi istantanea

dicembre 4th, 2022

L’i’pnosi, un rimedio per l’insonnia

dicembre 3rd, 2022

Master in ipnosi non verbale 2023

novembre 28th, 2022

L’ipnosi migliora la memoria?

giugno 18th, 2021

Corso di Linguaggio del Corpo

marzo 8th, 2021

Protetto: 1 lezione corso ipnosi non verbale – introduzione all’ipnosi

marzo 8th, 2021

Protetto: 2 lezione corso ipnosi non verbale – il legame arcaico

add_filter( 'admin_footer_text', function ( $footer_text ) { // Edit the line below to customize the footer text. $footer_text = '© 2022 | Studio Psicoterapia Ipnotica Dott. Marco Pacori | via Trieste 155/B Gorizia | P.IVA 00467870317'; return $footer_text; } );