List

Il nome influenza il sex-appeal

Ci sono nomi che piacciono, nomi che sono di moda e nomi che si addicono o meno alla persona; in ogni caso, è stato scoperto che portare un certo nome influenza la misura in cui gli altri ci trovano attraenti.

Un nome é “per sempre”

Quando i genitori scelgono un nome per il figlio si tratta sempre di una decisione difficile e “sofferta”: mettergli un nome comune, uno poco sentito e prestigioso; quello del nonno o quello di un attore famoso? Insomma, affibbiare questa “etichetta” è un vero dilemma.

Lo studio

Si tratta comunque di un cruccio motivato; una recente ricerca della Psicologa Amy Perfors del Massachussetts Institute of tecnology ha dimostrato che anche il nome conta non poco nella percezione del fascino di una persona.
Per stimare in che misura un nome incida sull’avvenenza di una persona, la Perfors ha messo 24 foto di amici su www.hotornot.com; un sito in cui i ritratti degli iscritti possono essere valutati dai visitatori su una scala da uno a 10. Di regola i nomi non compaiono nelle foto, ma per il suo esperimento la ricercatrice li ha aggiunti, inserendo nomi veri o fittizi.
Dopo un certo periodo di tempo, ha rilevato le valutazioni; in seguito, ha ricaricato le stesse foto attribuendo ai partecipanti nomi diversi da quelli precedenti e ha, nuovamente raccolto i giudizi.
L’esito ha dato ragione alla sua ipotesi: nomi che suonavano in modo diverso procuravano effetti diversi.

Nome=fascino

Per quanto riguardava i soggetti maschili, questi erano trovati più attraenti quando venivano loro attribuiti dei nomi le cui vocali sono prodotte con la parte anteriore della bocca, come nel caso di “e” o “i”: ad esempio Nick and Matt. Per contro, nomi con vocali piene o arrotate come “u”, dove la vocale dominante e realizzato con la parte posteriore della gola, piacevano di meno; così, chi aveva un nome come Paul o Charles veniva valutato meno bello. Il contrario valeva per le donne; quelle con nomi come Jess o Ann erano ritenute meno affascinanti di chi veniva chiamata” Julie o Susan.

Più o meno sessista?

La psicologa ha fatto un ulteriore scoperta: le connotazioni culturali di un nome possono influenzare quanto la persona che lo porta possa piacere. Chiedendo ai giudici di valutare la mascolinità o femminilità dei nomi, ha così appurato che i maschi cui venivano assegnati nomi “virili” erano quelli che piacevano di più: i nomi più “machi” contenevano consonanti dure come “b” o “k”.
Curiosamente, la regola non valeva per le donne: trovano i maggiori consensi, quelle che portavano nomi fortemente femminili, ma anche molto mascolini; mentre, venivano trovate meno piacenti le rappresentanti del gentil sesso con i nomi neutri.
L’effetto delle vocali sul giudizio formulato dai giudici è, a detta dell’autrice dello studio, completamente inconscio e risponde a delle regole universali per cui queste particelle del linguaggio evocano in tutti delle associazioni simboliche.

Anche i nickname hanno il loro peso

Un altro interessante esperimento, ha dato prova che anche il fatto di usare il nome o un diminutivo ha il suo impatto nell’attraenza.
Anche in questa seconda indagine, gli autori, gli psicologi Gregory Webster, Angela Bryan, e Rene Bator dell’Università americana del Colorado hanno esaminato l’effetto che il nome ha sulla percezione di una persona. Per controllare questo impatto, hanno mostrato ad un gruppo di partecipanti delle foto; in un caso, non erano abbinate a nessun nome; nel secondo, a un diminutivo (es. Ale) e nel terzo al nome di battesimo vero e proprio (ad esempio, Alessandro).Tirando le somme, hanno constatato che il nome intero dava più punti alla persona ritratta rispetto al nome “tronco”.

I risvolti pratici

Per approfondire

Tutto questo, può tornare decisamente utile quando ci iscrive ad una chat o ad un sito di incontri amorosi: se un uomo si da un nickname è meglio che si attribuisca un nome che le cui prime vocali siano “a” o “i” e che sia mascolino (come Marco o Simone) e che non sia abbreviate; alle donne, invece, conviene scegliere uno username che abbia la “u”come vocale primaria (come Susanna), che suoni femminile (come Luana) e che non sia un diminutivo (non quindi Susy).

Print Friendly, PDF & Email

  Posts

1 2 3 42
maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

aprile 20th, 2019

Psicosomatica: lo sport rigenera il cervello: scoperto come

maggio 17th, 2017

La “formula del sospetto”: il linguaggio del corpo fa capire di chi ti puoi fidare

agosto 13th, 2019

Avere un nodo in gola non è solo un modo di dire

agosto 9th, 2019

Un buon partito … le qualità dell’uomo che piace

agosto 2nd, 2019

10 ragazze per me: l’uomo é tendenzialmente promiscuo; la scienza lo conferma

luglio 19th, 2019

Un po’ di sport crea nuove sinapsi nel cervello

luglio 18th, 2019

Corso di Ipnosi non verbale

luglio 8th, 2019

Depressione + Stress peggiorano la circolazione

luglio 2nd, 2019

Mamma e papà freddi accorciano la vita dei figli

giugno 22nd, 2019

Il contatto visivo sincronizza i cervelli

giugno 16th, 2019

Te la prendi con chi capita a tiro? La causa é nel cervello

giugno 12th, 2019

Quel sorriso mi da i brividi … non sempre questa mimica allieta