List
rotazione dei bulbi oculari in stato ipnosi

La rotazione dei bulbi oculari é uno dei segni più comuni nell’ipnosi

Uno dei limiti nell’impiego dell’ipnosi è stato da sempre la scarsità e di segni obiettivi di questa condizione, nonché l’ambiguità di questi sintomi.

Appena nel 2011, grazie ad uno studio pioneristico degli psicologi scandinavi Sakari Kallio, Jukka Hyönä, Antti Revonsuo, assieme ad altri colleghi, é stato possibile individuare in delle anomalie del comportamento oculare i segni distintivi dello stato ipnotico.

Sempre nello stesso studio, é stato postulata l’ipotesi che ha guidato le indagine successive e, cioé, che questi cambiamenti fossero da imputare alla connessione tra occhio e corteccia prefrontale (la regione cognitiva del cervello).

L’analisi dei circuiti anatomofisiologici ha così portato alla conclusione che proprio dal lobo frontale si genera una trasmissione nervosa che, passando per il FEF (campo visivo frontale) e il nucleo pontino (una regione alla base del cervello) raggiunge i muscoli dell’occhio provocando delle alterazioni motorie (sfarfallio delle palpebre, rotazione dei bulbi, strabismo, ecc.) che segnalano appunto lo sviluppo di ipnosi.

il segnale più comune rilevato da buona parte degli ipnotisti è lo sfarfallio delle palpebre: un ammiccamento estremamente rapido, caratterizzato da un movimento involontario, ritmico e stereotipato.

Si pensi che comumemente noi chiudiamo le palpebre da 12 a 14 volte al minuto: in questo caso, la frequenza può accelerare fino a raggiungere i 180 battiti al minuto; l’effetto é paragonabile a quello di quando vediamo un colibrì che sbatte le ali. Questo segnale si presenta solitamente all’entrata in trance, ma può persistere anche per qualche decina di minuti dopo il suo esordio.

La comparsa spontanea di questo segnale (in forma più mitigata e breve) in normale condizione di veglia può essere un segno predittivo di una buona risposta all’ipnosi e che verosimilmente si manifesterà in maniera completa durante l’induzione; inoltre, Milton Erickson (uno deipiù noti ipnologi di tutti i tempi) ha constato che se il soggetto produce un breve sfarfallio prima della chiusura degli occhi, è probabile che svilupperà un buono stato di trance.

Un altro cambiamento fisiologico tipico della trance é il rovesciamento dei bulbi oculari. Gli occhi in posizione naturale sono rovesciati (tanto é vero che quando dormiamo o siamo svenuti aprendo l’occhio si vede solo la sclera, cioé la parte bianca: è solo il tono dei muscoli oculomotori che li tiene in “asse”.

Quando il sistema nervoso entra nella modalità “parasimpatica” (diminuzione di frequenza cardiaca, respiro, pressione e riduzione del tono muscolare – una condizione conosciuta in ipnosi come inerzia psico-motoria) anche i muscoli extraoculari diventano “flaccidi” e il bulbo tende a ruotare verso l’interno. Al tempo stesso, questa rotazione attiva il riflesso oculo-vestibolare (il vestibolo é un organo dell’oreccchio interno responsabile del senso dell’equilibrio), portando il soggetto a perdere la stabilità e a cadere (dandogli, in questo modo la sensazione di una perdita di coscienza).

Herbert Spiegel, un noto psichiatra americano esperto di ipnosi, in seguito all’osservazione che i partecipanti maggiormente suscettibili all’ipnosi mostravano una capacità insolita girare gli occhi verso l’alto, ha invitato otre 2000 volontari a produrre questa azione e a sottoporsi ad alcuni dei più comuni test per misurare il grado di ipnotizzabilità: ha, così scoperto, che nel 75% dei casi i due indizi erano correlati.

Questa constatazione ha portato lo studioso a elaborare un test (che si esegue in pochi secondi) in cui al soggetto viene chiesto di ruotare, quanto più gli riesce, gli occhi: maggiore é la quantità di sclera visibile, migliore é la risposta all’ipnosi.


Impara ad ipnotizzare in un corso intensivo! Seminario di Ipnosi non verbale a Padova, Milano e Roma; per maggiori informazioni clicca qua!

Print Friendly, PDF & Email

  Posts

1 2 3 43
maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

aprile 20th, 2019

Psicosomatica: lo sport rigenera il cervello: scoperto come

maggio 17th, 2017

La “formula del sospetto”: il linguaggio del corpo fa capire di chi ti puoi fidare

gennaio 20th, 2020

Il Legame Arcaico: l’ipnosi é una relazione “intima”

gennaio 20th, 2020

La posizione in cui dormi influenza il sonno

gennaio 6th, 2020

Anch’io posso essere ipnotizzato?

dicembre 24th, 2019

Il gesto di alzare gli occhi al cielo

dicembre 18th, 2019

I segni obiettivi dell’ipnosi

dicembre 16th, 2019

Dormire così rende il cervello più efficiente

dicembre 12th, 2019

L’attività fisica sconfigge la depressione

dicembre 8th, 2019

Le neuroscienze scoprono il segreto dell’ipnosi

dicembre 4th, 2019

Non l’ho fatto apposta: ipnosi e azioni involontarie

novembre 26th, 2019

La trance ipnotica: il mistero svelato