Libri

Formazione

Interviste TV

Rassegna Stampa

Gli ultimi post

  Dal sito web

  Dal profilo Facebook

Lo stress accorcia davvero la vita: lo prova la ricerca scientifica, che ha messo in luce come i "telomeri" (una sorta di guiana di protezione del DNA dei linfociti T - globuli bianchi) siano "infeltriti" nelle persone depresse, determinando una maggiore vulnerabilità alle malattie e un più rapido deterioramento dell'organismo
www.repubblica.it/scienze/2017/05/13/news/elissa_epel_lo_stress_peggiora_il_dna_cosi_i_cattivi_pe...
... See MoreSee Less

View on Facebook

Una recente ricerca pubblicata su "Journal of Ethnopharmacology" e promossa dall'Istituto per i sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo (Isafom-Cnr) e Istituto di scienze neurologiche (Isn-Cnr) ha dimostrato che gli estratti (flavonoidi, terpenoidi, fenilpropanoidi) di erbe usate dalla medicina popolare da oltre 2000 anni funzionano davvero nel trattamento del mal di testa.
www.lescienze.it/lanci/2018/01/23/news/cnr_sostanze_estratte_dalle_piante_efficaci_contro_la_cefa...
... See MoreSee Less

View on Facebook

Un inconsueto e promettente rimedio per la depressione.
I ricercatori Christoffer van Tulleken, Michael Tipton, Heather Massey e Mark Harper riportano il caso di un donna di 24 anni affetta da disturbo depressivo maggiore e stato ansioso, per cui era sotto cura dall'età di 17 anni.
I sintomi erano, per altro, resistenti alla fluoxetina (citalopram), un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (la molecola che, sembra, sia legata alla stabilità dell'umore).
Dopo la nascita di sua figlia, la giovane ha sentito il bisogno di tornare in salute e libera dalla schiavitù degli antidepressivi.
Così, un'equipe di studiosi inglese ha deciso di sperimentare una formula innovativa per la "riabilitazione": nuotare nel'acqua fredda per più volte a settimana.
Bene, l'espediente ha funzionato! Ha portato ad un miglioramento dell'umore dopo ogni nuotata e, con il tempo, ad una ad una remissione dei sintomi della depressione; e, di conseguenza, alla riduzione e quindi alla cessazione dell'assunzione dei farmaci. Al follow-up, un anno dopo, la donna dimostra, non solo di non fare più uso di alcun farmaco, ma di aver ritrovato un perfetto equilibrio emotivo.
... See MoreSee Less

View on Facebook

I commenti

Quanti grazie le devo dare? Ora se pur a livello basico posso provocare un ipnosi non verbale c’è ne voluto di allenamento ma quando i risultati iniziano a fiorire è una sensazione davvero ineguagliabile.
Pensare di andare su un palco e dopo aver fatto i soliti giochi di illusionismo poter far dimentacare il nome,o provocare un induzione ipnotica con una penna o una stretta di mano mi lasciano davvero sbalordito e questo è merito dei suoi libri sia sull’ipnosi che sui messaggi del corpo!
Li consiglio a tutti un mix davvero coinvolgente che vi cambierà il modo di guardare le persone e trarre conclusioni in maniera più tempestiva !
Che dire…GRAZIE DAVVERO!

Federico Cominardi (Su facebook).

Ho letto il tuo libro, “I segreti dell’Intelligenza Corporea” […] Un libro ricco di contenuti, scritto in modo semplice, accessibile a tutti e mai banale. Sono rimasto veramente sorpreso dalla qualità dei contenuti e dal modo in cui sono stati esposti.[…] Mi dispiace che i tuoi testi non vengano fatti leggere nelle aule degli atenei, perché secondo me quello è il loro posto. […] i tuoi libri sono gli unici che mi danno soddisfazione e mi fanno essere orgoglioso della psicologia qui in Italia. Sei un grande, un mito, sei oro colato e la mia aspirazione.

Matteo Camarota (Su facebook) .

Print Friendly, PDF & Email