List
colloquio di lavoro e psicologia

Il colloquio di lavoro può essere una vera “fatica d’Ercole”

Il colloquio di assunzione, specie se il posto di lavoro é ambito, diventa una vera fonte di stress e una complessa manovra tattica. Da un lato dobbiamo impressionare azienda e esaminatore; dall’altro, sbaragliare la concorrenza. Come non bastasse é un guerra di “nervi” contro noi stessi per mantenere autocontrollo, lucidità e disinvoltura quando il nostro corpo ci spingerebbe a darcela a gambe levate.

Una buona preparazione é tutto … dicono. In realtà, per quanto un buon curriculum e alcuni accorgimenti prima dell’intervista possano agevolarci, il vero round si gioca essenzialmente sulla prima impressione e sulla nostra capacità di farci apparire sicuri del fatto nostro, motivati e determinati durnante lo scambio faccia a faccia … soprattutto, sul piano del linguaggio del corpo.

Chi ben comincia …

Premesso questo, fare un piano e adottare alcune strategie danno sicuramente qualche chanche in più: ad esempio, é buona regola scoprire quanto più possibile sulla ditta e sul selezionatore; così, come leggere con attenzione la proposta di lavoro e ragionare su quali aspetti di sé e della propria esperienza professionale mettere in risalto. Simulare il colloquio con un amico (soprattutto, se già si occupa del settore di cui si va a fare richiesta) e preparare delle domande argute e mirate da porre al reclutatore é un’altra buona mossa. Sul piano non verbale, apparire curati, vestire in modo elegante, arrivare con 15 minuti di anticipo rispetto all’appuntamento (non di più perché si rischia di risulare ansiosi o maniacali) paga. Anche mostrarsi gentili, cordiali e rispettosi con il personale (le qualità umane e relazionali sono molto apprezzate al giorno d’oggi) e portare con sé CV, block notes e penna (… e nient’altro! Per non risultare, maldestri, goffi o impacciati) fanno la loro parte.

Contatti ravvicinati

Le ricerche su questo tema ha messo a fuoco che alcuni aspetti del linguaggio non verbale hanno più peso di altri in questa circostanza: ad esempio, l’attitudine a sorridere, la quantità di sguardi reciproci, l’attenzione prestata al viso dell’altro, la manipolazione di oggetti (come armeggiare con una penna o far scorrere la zip della borsetta), la misura in cui tocca se stessi (lisciarsi i capelli, pizzicare la guancia o tirarsi la barba) e il tempo trascorso a parlare.

In un’intervista a “The Guardian”, Williams Wegert, esperto nel reclutamento del personale, suggerisce se si sta cercando un lavoro di dispensare sorrisi a “piene mani” “Non sto parlando di sorridere nelle interviste”precisa lo -specialista-, ma di sorridere sulla foto di LinkedIn e di farlo sulle proprie foto sui social media”.

Il consiglio di Wegert è supportato dai dati: il 60% dei datori di lavoro, infatti, utilizza il controllo dei profili sui social media come parte del processo di assunzione.

Toccare se stessi é un’arma a doppio taglio

Secondo un sondaggio, il CareerBuilder Survey, i manager hanno affermato che oltre il 34% degli intervistati tende a giocherallare con qualcosa sul tavolo e il 28% si annoda i i capelli o si passa le dita sul viso. Comportamenti come questi é meglio evitarli perché comunicano un senso di inadeguatezza e di disagio. L’impatto dell’autocontatto dipende molto da come viene fatto: appoggiare una mano sul mento mentre si ascolta o accarezzarsi di tanto in tanto i capelli sono segno di naturalezza e di spontaneità; per questo motivo, concordano gli psicologi Jinni Harrigan, Robert Rosenthal e altri colleghi, viene percepito in modo favorevole dal selezionatore. E, a proposito di quest’ultimo, una chicca: Shelly Goldberg e lo stesso Rosenthal hanno scoperto che se l’esaminatore, durante il colloquio tende a toccarsi scarpe, polpacci o calze, il suo giudizio cfinale saràprobalbilmente favorevole.

Il corpo é la carta vincente

Numerose, per altro, sono le ricerche che dimostrano quanto conti il linguaggio del corpo in questa circostanza. Ad esempio, gli psicologi Joseph Amilfitano e Neil Kalt hanno rilevato che i candidati che mostrano un maggior contatto visivo sono giudicati più attenti, intraprendenti, sicuri di sé, responsabili e motivati.

Dal canto loro, Robert Gifford, Cheuk Fan e Margaret Wilkinson hanno messo in luce che l’iniziativa nel parlare, la quantità di gesti impiegati nell’interazione e la formalità e la dell’abito suscitavano l’idea di una persona popolare è amabile.

Anche l’inclinazione al sorriso, il numero di gesti e la tendenza ad annuire, commentano in un loro studio Joyce Edinger e Miles Patterson aumentano la stima e migliorano il giudizio del selezionatore.

Parallelamente, in un’indagine di Thomas Govern e Howard Tinsley è emerso che i solo candidati che mostravano comportamenti non verbali come un contatto visivo superiore alla media, un alto livello di energia, fluidità del parlato e capacità di modulare la voce venivano ritenuto idonei per una seconda (e più approfondita) valutazione.

Per approfondire

Non si scherza!

Solitamente un sorriso è un passpartout in numerosi colloqui di assunzione; la stessa regola non vale se il requisito principale è la serietà o la mansione é tipicamente maschile, come il cronista di nera. Lo hanno provato con un originale esperimento i ricercatori Mollie Ruben, Judith Hall e Marianne Schmid Mast, pubblicando gli esiti dello loro studio sulla rivista “The Journal of Social Psychology”: si pensi ad esempio ad un ruolo di responsabile della sicurezza o di coroner: qui sorridere durante l’intervista potrebbe risultare del tutto fuori luogo.

  Categoria: Articoli sul linguaggio del corpo

1 29 30 31
febbraio 17th, 2020

in punta di piedi … il linguaggio del corpo nel colloquio di assunzione

Nel colloquio di lavoro é importate creare un’impressione positiva: non basta un buon curriculum o esperienza,. Molto conta come ci si esprime con il linguaggio del corpo.

gennaio 20th, 2020

La posizione in cui dormi influenza il sonno

La posizione in cui ci addormentiamo é abitudinaria e concilia il sonno: quello che non sappiamo é che influenza la qualità del sonno perfino il tema dei nostri sogni.

dicembre 24th, 2019

Il gesto di alzare gli occhi al cielo

Rovesciare gli occhi é un gesto comune, condiviso da tutte le culture e con radici lontane per esprimere insofferenza e fastidio. L’analisi psicologica e antropologica di questo atto rivela degli scenari tutt’altro che scontati.

dicembre 12th, 2019

L’attività fisica sconfigge la depressione

La scienza lo dimostra chiaramente: l’esericizio fisico, specie se praticato con costanza, sforzo e di tipo aerobico, é uno dei migliori antidoti per prevenire e curare la depressione … e riduce drasticamente il rischio di ricadute.

novembre 19th, 2019

Le parole della menzogna

mentire è un compito complesso; inevitabile allora che qualcosa sfugga sul piano non verbale o su quello linguistico. Proprio questi indizi ci consentono di riconoscere le bugie.

novembre 4th, 2019

Quel ricciolo “ribelle”: il significato di foggia e taglio del capelli

Taglio, foggia, colore dei capelli sono un tratto distintivo per una donna: possono segnalare la sua indole, i suoi atteggiamenti e connotare un particolare momento di cambiamento.

ottobre 27th, 2019

Una camminata lenta può essere segno di senescenza cerebrale

Camminare in modo lento, stentato e con poca lena può essere il segno di precoci anomalie vascolari encefalliche e, in generale, di una senescenza del cervello.

ottobre 11th, 2019

Il linguaggio del corpo delle vittime designate

Come accade in natura, anche tra gli esseri umani la vittima (che si tratti di un tentativo di abuso, scippo o violenza) non viene scelta a caso: i malintenzionati sono solitamente bravi nel scegliere la vittima in base al suo linguaggio del corpo.

ottobre 4th, 2019

Come ottenere un aumento di stipendio con il linguaggio del corpo

Chiedere un aumento di stipendio é tutt’altro che facile, ma ci sono alcuni accogimenti (la scelta del momento, il modo di formulare la richiesta e, soprattutto, un certo tipo di linguaggio del corpo) che aumentano le nostre possibilità di spuntarla.

settembre 29th, 2019

Psicosomatica: “mi fai venire i capelli bianchi!”

La scienza da prova di quello che, fin’ora, é stata una credenza popolare: lo stress fa veramente venire i capelli bianchi; a mediare l’effetto é il fattore di trascrizione MITF (espressione dei geni) a che regola sia l’attività dei melanociti che colorano i capelli sia la reazione immunitaria (che, a sua volta, é legata alla tensione emotiva).