List

La postura dell’orgoglio

Anche senza nessuna preparazione, buona parte di noi comprende la mimica facciale, i gesti e le posture che esprimono emozioni come la paura, la rabbia o la sorpresa.

Ben più complesso è distinguerle quando ci troviamo di fronte ad espressioni e atteggiamenti che riflettono una miscela di emozioni o quando si presentano in modo parziale o per un tempo molto breve (come succede se uno intende nascondere quello che prova).

Proprio per facilitare il loro riconoscimento Paul Ekman, assieme ad altri studiosi, ha esaminato migliaia di facce e condotto numerosi esperimenti fino a giungere ad una precisa codifica delle pose assunte da sopracciglia, fronte, naso, bocca, ecc. quando si prova un certo stato d’animo.

Poca attenzione, invece, é stata data all’espressione non verbale di emozioni complesse come la vergogna, l’imbarazzo o l’orgoglio.

Eppure i ricercatori Jessica Tracy e Richard Robins, con un’indagine che ha coinvolto partecipanti di una isolata tribù del Burkina Faso, in Africa, ha dato prova che, almeno quest’ultima emozione ha dei “connotati” esteriori che sono identificati universalmente.

La stessa Tracy, assieme allo psicologo David Matsumoto, esaminando le foto dei vincitori e dei perdenti dei giochi olimpici e paraolimpici del 2004, ha messo a fuoco i tratti distintivi dell’espressione dell’orgoglio.

Lo studio é stato particolarmente significativo perché gli atleti erano vedenti e non vedenti, provenienti da 37 nazioni.

Dalla loro disamina é emerso che I segnali non verbali tipici di questo sentimento sono i seguenti.

La testa appare piegata all’indietro; viene esibito un mezzo sorriso (quindi un sorriso prodotto solamente sollevando gli angoli delle labbra); le braccia sono scostate lateralmente dal tronco oppure sono sollevate; la mano é spesso chiusa a pugno; il petto é tronfio (cioè, la cassa toracica viene espansa) e il tronco intero é spinto in fuori.

  Categoria: Notizie Flash

1 2 3
marzo 12th, 2019

Orgoglio … senza pregiudizio: il linguaggio del corpo della fierezza

La postura dell'orgoglio Anche senza nessuna preparazione, buona parte di noi comprende la mimica facciale, i gesti e le posture [...]
dicembre 11th, 2017

Come spiazzare il piazzista

Capita che, presi in contropiede (forse quello messo fra porta e stipite), ci ritroviamo un piazzista o un promotore finanziario […]

ottobre 27th, 2017

La prospettiva di perdere motiva di più di quella di guadagnare

Quando dobbiamo raggiungere un obiettivo, la prospettiva di rimetterci da un incentivo molto più forte dei vantaggi che potremmo tranne […]

luglio 17th, 2017

Psicosomatica: l’attività fisica stimola la rigenerazione cellulare del cervello

La ricerca sulla “neurogenesi”, la capacità di alcune aree cerebrali di far crescere nuovi neuroni, ha individuato un modo tutto […]

giugno 29th, 2017

Più fai carriera, più perdi la capacità di leggere i messaggi del corpo

La valutazione dei candidati per un posto di lavoro, per una promozione o per stabilire di un team di lavoro […]

maggio 31st, 2017

Orgoglio … senza pregiudizio: il linguaggio del corpo della fierezza

Anche senza nessuna preparazione, buona parte di noi comprende la mimica facciale, i gesti e le posture che esprimono emozioni […]

dicembre 23rd, 2016

Cantare depura il cervello

Canta che ti passa, si dice e, in effetti, intonare o fischiettare un motivetto distrae e allieta. Per altro, la […]

dicembre 2nd, 2016

L’infezione da candida può portare alla depressione

La candida (il cui “ceppo” più noto é la candida albicans) é un parassita responsabile della temuta e diffusa infezione […]

novembre 21st, 2016

Se mi guardi, arrossisco

Prima o poi capita a tutti: quando si viene colti impreparati, in fallo o in difetto, il volto può imporporarsi […]

ottobre 30th, 2016

Lo stress rende il cervello “striminzito”

Lo stress é una bella gatta da pelare: può renderci ansiosi, metterci di malumore o deprimerci; può inibire le nostre […]