List
Le posizioni del sonno e il cervello

Le posizioni del sonno e il cervello

Dormire di fianco, rispetto a prendere sonno appoggiati sulla scienza o sulla pancia può rimuovere più efficacemente le scorie dell’attività metabolica del cervello e e contribuire a ridurre il rischio di sviluppare malattie neurologiche come il morbo di Alzheimer, di Parkinson o la sclerosi multipla.

E’ questa la conclusione cui sono giunti Hedok Lee, Lulu Xie, Mei Yu, Hongyi e altri studiosi. Il cervello, come gli altri organi del corpo, nella sua attività produce delle sostanze di “scarto” e naturalmente questi “rifiuti” devo essere smaltiti; altrimenti si accumulano e diventano vere e proprie tossine.

Il cervello é immerso in un “bagno” chiamato liquido cerebrospinale; mentre le “intercapedini” tra la materia cerebrale sono intrise di liquido interstiziale.

E’ proprio qui che si riversano i residui metabolici per essere poi drenati all’esterno attraverso il sistema glinfatico (l’equivalente della rete linfatica del resto dell’organismo) e probabilmente anche anche attraverso i vasi linfatici seminascosti nella dura madre (una specie di ammortizzatore tra cervello e scatola cranica) identificati in una recente ricerca.

Questo processo, si è appurato avviene, non durante la veglia, ma nel corso del sonno: quanto più questo é regolare, continuato e ristoratore tanto meglio avviene lo smaltimento.

Hedok e colleghi per verificare se le posizioni in cui si dorme possano rivestire un ruolo in questa “pulizia” hanno usato dei topi.

Ai roditori è stato iniettato un liquido di contrasto e il processo di spurgo é stato monitorato con l’MRI (risonanza magnetica); quindi sono stati messi a riposo in tre posizioni “obbligate”: (di lato; prona (verso il basso), e supina (in su).

L’esito dello studio ha dato così modo di provare che la posizione laterale (per altro, la più comune fra gli esseri umani) é quella che consente il drenaggio migliore.

  Tag: comunicazione non verbale

1 2 3 15
dicembre 16th, 2019

Dormire così rende il cervello più efficiente

Dormire di fianco, rispetto a prendere sonno appoggiati sulla scienza o sulla pancia può rimuovere più efficacemente le scorie dell’attività […]

settembre 29th, 2019

Orgoglio … senza pregiudizio: il linguaggio del corpo della fierezza

Mento sollevato, un accenno di sorriso, sollevare il petto e altri segnali esprimono l’atteggiamento corporeo dell’orgoglio e della fierezza.

maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

Stretching, Yoga, ma anche una semplice immersione nella vasca idromassaggio possono alleviare stress e ansia. Lo ha scoperto un’equipe di dell’Università di Pittsburgh mettendo in evidenza, la regione cingolata anteriore rostrale; la prima coinvolta nella pianificazione delle azioni fisiche; le altre nell’elaborazione emotiva. Da queste zone, successivamente, parte un’impulso che, raggiungendo la midollare surrenale, riduce la produzione di adrenalina, uno degli ormoni dello stress.

marzo 31st, 2019

Intelligenza corporea: inseparabili il gesto e la parola

Le ricerche dimostrano che quando archiviamo il nome di un oggetto e di cose concrete, attiviamo sì l’area linguistica, ma anche quella motoria […]

marzo 30th, 2019

Intelligenza Corporea: il curioso legame tra gesti e intelligenza

Se, non più di una decina d’anni fa, avessimo visto qualcuno camminare e, al tempo stesso parlare e mulinare mani e braccia, avremmo pensato che, come minimo, doveva avere qualche rotella fuori posto.I tempi sono cambiati e ora scene come queste sono la routine

marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: l’attività fisica é un antidepressivo, ma senza eccedere

Quando il cervello dice "stop"! Fare del movimento, meglio se all’aria aperta e se aerobico (jogging, bici, tennis, ecc.) é [...]
marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: con il corpo impari meglio la matematica

Con il corpo impari meglio l'aritmetica Nella nota favola di Collodi, Pinocchio invece di andare a scuola si faceva irretire [...]
marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: un dolce ti conquistera!

Sedotti con la "melassa" Quando Cupido “scocca la sua freccia” (soprattutto se il nostro sentimento é condiviso), ci sentiamo inguaribilmente [...]
marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: quanto é stabile la tua vita sentimentale?

Senso di istabilità e sentimenti Per esprimere una condizione di disequilibrio emotivo o relazionale usiamo spesso metafore legate al senso [...]
marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: 3 strategie non verbali per stimolare la creatività

Il movimento stimola l'ingegno La creatività è la capacità intellettiva che meglio ci distingue dagli altri animali e quella che [...]