List

Psicologia del capro espiatorio

Se abbiamo la “luna storta” tendiamo a “trasferire” il malcontento su partner e familiari, vivendoli come avversari o rivali. Un nuovo studio svela perché.

Può capitare, anche nelle relazioni più armoniose (sia sentimentali, sia d’amicizia), che uno screzio o una divergenza ci porti a provare risentimento e a chiuderci. E fin qui non c’è niente di strano.

Ma che dire di quando queste emozioni sono innescate da eventi che non hanno nulla a che fare con amici o partner (che pure diventano il caprio espiatorio dei nostri “bollori”): come quando un imprevisto ha rovinato i nostri progetti per la giornata o, per imprudenza, abbiamo preso una multa salata? È stato dimostrato che “spostare il tiro” del malumore è un’abitudine ben più frequente di quanto immaginiamo.

A darne una prova sperimentale ci ha pensato un’equipe di ricercatori americani, capitanata dallo psicologo Jan Engelmann. Questo studioso e i suoi colleghi hanno elaborato un progetto volto a suscitare ansia e hanno, poi, verificato se questo stato d’animo potesse minare minare la fiducia nel prossimo nel corso di un successivo scambio.

Per provocare stress e stizza nei partecipanti, gli studiosi li hanno “snervati” dando loro delle piccole scosse elettriche senza alcun motivo, criterio o prevedibilità. Dopo essere stati “punzecchiati” gli stessi volontari sono stati invitati a partecipare ad un gioco, ideato per valutare il grado di cooperazione e di fiducia nel compagno.

L’esito ha dato prova che se i volontari continuavano ad aspettarsi lo shock elettrico erano molto più diffidenti verso l’altro giocatore. Il team ha anche registrato le risposte del cervello dei soggetti con la risonanza magnetica funzionale (MRI) mentre i volontari decidevano se fidarsi o meno. Proprio così hanno scoperto la ragione della diffidenza (e dell’incapacità di giudicare obiettivamente l’altro).

Questa rilevazione ha messo, infatti, in luce che esiste una regione fortemente implicata nell’attribuzione della fiducia, la giunzione temporoparietale (TPJ). Si è osservato che questa struttura restava quasi inattiva quando i partecipanti dovevano stabilire se credere al compagno, mentre si sentivano inquieti; non così quando ritenevano che il “supplizio” fosse finito (che, nell’esperienza reale corrisponde al momento in cui la smettiamo di roderci il fegato): in pratica, lo “spegnimento” di quest’area cerebrale ci induce a vivere il “familiare” come un estraneo e, per di più, ostile!

Sempre grazie alla fMRI è emerso che anche la connessione tra la TPJ e l’amigdala (la regione emotiva del cervello) veniva soppressa dall’ansia; così, come lo scambio tra TPJ e le aree coinvolte nella valutazione sociale, come il solco temporale posteriore superiore (una delle cui funzioni più importanti é darci modo di percepire e comprendere le emozioni di chi abbia di fronte), la corteccia prefrontale dorsomediale (cruciale per intuire il contenuto dei pensieri altrui).

Per approfondire

In conclusione, se il coniuge, convivente o famliare ci maltratta perché ha le scatole girate non é colpa sua … povero Cristo!? Beh, povero Cristo un cavolo! Se é un fatto episodico passi, ma se questa é una sua abitudine meglio suggeririgli che se ne esca a fare un giro e torni quando gli/le si sono calmati i bollori.

  Tag: neuroscienze

1 2 3 4
giugno 16th, 2019

Te la prendi con chi capita a tiro? La causa é nel cervello

Quando abbiamo avuto una giornata snervante, non appena tornati a casa, possiamo prendercela, con un pretesto, con un familiare che non c’entrano niente. In quelle situazioni, quello che ci porta ad avere questi sfoghi é la disattivazione di un’area cerebrale, la giunzione temporoparietale.

maggio 23rd, 2019

La disidratazione altera il funzionamento del cervello

Bere almeno 2 litri d’acqua é una sana abitudine che mantiene efficiente il nostro organismo. Pochi sanno che anche il cervello ha necessità di un sufficiente apporto d’acqua: numerosi esperimenti hanno dimostrato che quando siamo disidratati la memoria, la lucidità, l’attenzione possono essere seriamente compromesse, procurando nel breve un impoverimento delle nostre facoltà cognitive e, alla lunga, a un deterioramento assimilabile alla demenza.

maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

Stretching, Yoga, ma anche una semplice immersione nella vasca idromassaggio possono alleviare stress e ansia. Lo ha scoperto un’equipe di dell’Università di Pittsburgh mettendo in evidenza, la regione cingolata anteriore rostrale; la prima coinvolta nella pianificazione delle azioni fisiche; le altre nell’elaborazione emotiva. Da queste zone, successivamente, parte un’impulso che, raggiungendo la midollare surrenale, riduce la produzione di adrenalina, uno degli ormoni dello stress.

marzo 30th, 2019

Intelligenza Corporea: il curioso legame tra gesti e intelligenza

Se, non più di una decina d’anni fa, avessimo visto qualcuno camminare e, al tempo stesso parlare e mulinare mani e braccia, avremmo pensato che, come minimo, doveva avere qualche rotella fuori posto.I tempi sono cambiati e ora scene come queste sono la routine

marzo 19th, 2019

Intelligenza corporea: in piedi si apprende meglio

Imparare in piedi fa sentire più lucidi Aristotele aveva ragione quando insegnava ai suoi allievi facendoli camminare (nel peripateto). Nuovi [...]
marzo 17th, 2019

Il pianto di un bambino é irresistibile … per il cervello

Il pianto di un bambino ci commuove Numerose specie animali piangono (perfino i rettili (da qui il modo di dire [...]
marzo 3rd, 2019

Intelligenza corporea: toccare qualcosa di ruvido ci rende più empatici

Toccare una superficie ruvida rende più empatici Se un uomo inciampa davanti a noi e ci viene d'istinto aiutarlo o [...]
giugno 5th, 2018

Psicosomatica: una vita sedentaria “infeltrisce” il cervello

È risaputo che essere sedentari, oziosi, pantofolai, oltre a provocare un aumento di peso è un maggiore rischio cardiovascolare, rende […]

aprile 24th, 2018

L’ora dell’ira: l’aggressività é una bomba a orologeria

Capita a tutti di tanto in tanto di perdere le staffe: esperienze come incappate in uno spiacevole imprevisto, subire un’ingiustizia […]

aprile 18th, 2018

La spina dorsale ha una memoria … e di ferro

Gli incidenti domestici sono all’ordine del giorno: il più delle volte si tratta di piccole escoriazioni o di lievi ustioni, […]