List

Il pregiudizio brutto é cattivo dipende dal cervello

Harryson Ford ostenta una vistosa cicatrice sul mento; Joaquin Phoenix, una bocca storta segno di un intervento al labbro leporino;
Gérard Depardieu, un bitorzolo “equivoco” come punta del naso.

Eppure, in momenti diversi, questi uomini e attori di successo sono stati giudicati tra i più affascinanti e attraenti al mondo.

Non tutti sono così fortunati: buona parte delle persone con sfregi, deformità o escrescenze sul volto sono oggetto di ribrezzo, discriminazione o evitamento … tutto questo a causa di un pregiudizio che induce a pensare che chi è sfigurato sia anche appestato, disonesto o portatore di “tare mentali”.

Le motivazioni di questi atteggiamenti affondano le radici nell’ignoranza, nella paura e nell’impulsivita, ma le cause profonde sono annidate in una spinta biologica tracciata nell’architettura del nostro cervello.

A darne prova sono stati Franziska Hartung, Anja Jamrozik, Miriam Rosen a capo di un team di neuroscienziati.

Questo studiosi hanno coinvolto 80 volontari (55 donne e 25 maschi di età media di 23 anni) cui sono stati fatti due test: il primo, IAT (Implicit association test) consisteva nella visione di foto del volto della stessa persona, prima e dopo un intervento chirurgico per rimediare ad un difetto estetico. Dopo l’esposizione, i partecipanti dovevamo dare un attribuzione all’individuo ritratta scegliendo fra una lista di aggettivi positivi (attraente, felice, favoloso, ecc.) e negativi (repellente, malvagio, disgustoso, ecc).

Un secondo test, EBQ (explicit bias questionnaire), invece, misurava direttamente l’atteggiamento verso le deturpazioni facciali.

Le stesse foto utilizzate nel primo test sono state nuovamente mostrate ai soggetti dell’esperimento, ma questa volta la loro attività cerebrale è stata esaminata con l’fMRI (risonanza magnetica funzionale). Nello specifico, è stata analizzata la circonvoluzione facciale fusiforme (una regione del sistema visivo specializzata per il riconoscimento dei volti).

L’ipotesi dei ricercatori era che questa si sarebbe attivata assieme al circuito della ricompensa (una catena di strutture cerebrali che procurano il senso di piacere) di fronte ai volti non sfigurati, ma non alle facce deturpate. Per contro, si sarebbe dovuta attivare assieme al circuito della salienza (cioè, avrebbe destato un interesse “morboso”) davanti ai volti sfigurati, ma non a quelli regolari.

Al momento dell’esame della scansioni della fMRI, entrane le supposizioni hanno trovato conferma.

È stato, infatti, appurato che, rispetto alle immagini degli stessi volti dopo il trattamento chirurgico, le foto di persona con deturpazioni facciali, suscitavano una maggiore risposte neurale nella corteccia occipito-temporale ventrale, in particolare in entrambe le circonvoluzioni fusiformi è nella regione destra della circonvoluzione frontale inferiore destra (implicata quando si tenta di inibire un impulso prepotente).

Queste rilevazioni sono coerenti con l’ipotesi che, di fronte ad un volto sfigurato, l’elaborazione del viso e le aree adiacenti rispondano automaticamente alla salienza dei volti: in altre parole, questi sfregi suscitano un alto grado di attenzione e siamo spinti a tenerli d’occhio (il ché spiega perché si attivi il giro frontale inferiore destro – cerchiamo di evitare di guardare in modo ossessivo).

Oltre all’aumento delle risposte nelle aree visive, è stata riscontrata una riduzione dell’ampiezza della risposta neurale ai volti sfigurati nel giro cingolato anteriore mediale (segno di un senso di distacco) e della corteccia prefrontale mediale (parte del circuito della ricompensa).

Presi nell’insieme, questi risultati dimostrano che di fronte ad un volto sfigurato, il nostro cervello promuove una risposta automatica e preconcetta che ci porta a innalzare l’attenzione, a fissare La deturpazione (è a cercare di inibire questo impulsò) e a sentirci minacciati. Nel contempo, diminuisce l’empatia e siamo indotti a provare repulsione.

Per approfondire
Il Linguaggio Segreto dei Sintomi

Naturalmente, queste reazioni sono frutto di pregiudizio (anche se istintivo e non razionale): sta al nostro buon senso, alla sensibilità e all’educazione controbilanciare questo atteggiamento e fare prevalere il senso di umanità.

  Tag: linguaggio del corpo

1 2 3 21
settembre 1st, 2019

Brutto e cattivo: il pregiudizio è annidato nel cervello

Deturpazioni, cicatrici, sfregi sul volto ci portano a sviluppare dei pregiudizi sulle persone che portano questi segni.; naturalmente, le paure, la repulsione o l’interesse morboso che suscitano sono immotivativi, ma é una “forma mentis” annidata nel cervello che ci porta a questi pregiudizi.

agosto 13th, 2019

Avere un nodo in gola non è solo un modo di dire

Parlare a più persone può suscitare ansia e sintomi fisici come uno strozzamento alla gola, difficoltà di pronuncia, ecc. inoltre, può provocare confusione, difficoltà ad articolare il discorso è così via. Una nuova ricerca dimostra che lo stress mette in tilt delle strutture coinvolte nel l’ideazione è nella espressione del linguaggio.

giugno 12th, 2019

Quel sorriso mi da i brividi … non sempre questa mimica allieta

Il sorriso, una delle espressioni più universali, solitamente esprime felicità e allegria, ma con piccole variazioni (un angolo delle labbra sollevato, o entrambe le labbra tirate verso l’interno, ecc.) comunica messaggi diversi … a volte con effetto opposto a quello immaginato: può infatti incutere soggezione, riverenza e inquietudine.

giugno 9th, 2019

Scoperto il segreto del sorriso

Il sorriso apre tutte le porte … lo sappiamo per esperienza: se qualcuno ci sorride in modo sincero fa sorridere anche noi, ci allieta, ci mette di buon umore e ci rende disponibili, ma soprattutto provoca nel cervello lo stesso effetto di una droga.

maggio 10th, 2019

Psicosomatica: lo stretching é un vero antidoto contro lo stress

Stretching, Yoga, ma anche una semplice immersione nella vasca idromassaggio possono alleviare stress e ansia. Lo ha scoperto un’equipe di dell’Università di Pittsburgh mettendo in evidenza, la regione cingolata anteriore rostrale; la prima coinvolta nella pianificazione delle azioni fisiche; le altre nell’elaborazione emotiva. Da queste zone, successivamente, parte un’impulso che, raggiungendo la midollare surrenale, riduce la produzione di adrenalina, uno degli ormoni dello stress.

marzo 31st, 2019

Intelligenza corporea: inseparabili il gesto e la parola

Le ricerche dimostrano che quando archiviamo il nome di un oggetto e di cose concrete, attiviamo sì l’area linguistica, ma anche quella motoria […]

marzo 31st, 2019

Intelligenza corporea: stringere una pallina di gomma ci cambia le “vedute”

Quando guardiamo la foto del profilo di facebook o di un altro social network o quando semplicemente vediamo qualcuno affacciarsi da una porta e tutto ciò che scorgiamo é la sua faccia, tendiamo farci un’impressione immediata di quella persona

marzo 30th, 2019

Intelligenza Corporea: il curioso legame tra gesti e intelligenza

Se, non più di una decina d’anni fa, avessimo visto qualcuno camminare e, al tempo stesso parlare e mulinare mani e braccia, avremmo pensato che, come minimo, doveva avere qualche rotella fuori posto.I tempi sono cambiati e ora scene come queste sono la routine

marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: l’attività fisica é un antidepressivo, ma senza eccedere

Quando il cervello dice "stop"! Fare del movimento, meglio se all’aria aperta e se aerobico (jogging, bici, tennis, ecc.) é [...]
marzo 30th, 2019

Intelligenza corporea: con il corpo impari meglio la matematica

Con il corpo impari meglio l'aritmetica Nella nota favola di Collodi, Pinocchio invece di andare a scuola si faceva irretire [...]